Vino in bag in box: cos’è e perché conviene sceglierlo

Il vino in bag in box è una soluzione pratica e comoda di conservare, trasportare e consumare il vino. Il Bag in Box è un contenitore per liquidi ad uso alimentare che vuol dire sacca nella scatola.

Come è fatto un bag in box

Analizzando la confezione vediamo che esternamente è costituita da un involucro in cartone messo a protezione della sacca interna. Quest’ultima è realizzata in polietilene nella parte a contatto con il vino e in polietilene metallizzato in quella esterna.

La sacca termina con un rubinetto che grazie ad un’apposita apertura fuoriesce dal sacchetto. Serve ad evitare che il vino venga a contatto con l’aria e ne regola la mescita. Viene riempita completamente in modo che non ci sia possibilità di ossidazione del prodotto e sia garantita una conservazione ottimale.

Come è nato il Bag in Box

L’idea del Bag in Box nasce in America negli anni Cinquanta ma fu nel 1965 che la Wine box si diffuse, grazie all’invenzione di un viticoltore australiano.

Il vino in box diventò negli anni sempre più utilizzato, dapprima nel nord Europa e più tardi anche nel nostro Paese. All’inizio l’idea di mettere un prodotto d’eccellenza italiano nella bag non convinceva gli addetti ai lavori ma oggi le cose sono molto cambiate.

Il vino in Bag in Box non è di qualità bassa, anzi, come si vede in questa pagina anche molti famosi vini toscani sono conservati e venduti in questo modo. Oggi questo tipo di packaging interessa il 10% delle vendite del vino a livello mondiale ed è in continua crescita.

Come viene imbottigliato il vino

Il processo di imbottigliamento del vino avviene tutto in maniera meccanica in modo che non ci sia possibilità per l’aria di entrare in contatto con il prodotto. E’ invece vietato, per lo stesso motivo, l’imbottigliamento manuale delle sacche.

Il vino viene microfiltrato e grazie ad uno speciale macchinario condotto, attraverso apposite tubature, dentro la sacca. Così facendo non subisce escursioni termiche né surriscaldamento e si preserva da eventuali problemi durante il trasporto.

Perché conviene scegliere il Bag in Box

Conservare il vino in Bag in Box presenta innumerevoli vantaggi. Vediamo quali sono.

Durata

Grazie al sistema di apertura e chiusura il vino non viene a contatto con l’aria e non rischia l’ossidazione.  Il prodotto sigillato e non aperto ha una durata che va dai 6 ai 12 mesi, quello aperto raggiunge tranquillamente le 4/5 settimane.

Da qui si evince che la sacca è uno dei migliori contenitori per il vino attualmente in circolazione, perfetta per un consumo quotidiano ma anche per un uso saltuario. La durata del vino varia anche a seconda del prodotto.  I vini rossi possono conservarsi fino a 12 mesi nella box sigillata mentre i bianchi tra i 3 e i 4 mesi.

Qualità

La qualità del prodotto all’interno rimane invariata per cui ogni bicchiere che si degusta è sempre buono come il primo. Il vino riesce a mantenere inalterate tutte le sue proprietà organolettiche. Questo rappresenta un vantaggio anche rispetto alle più classiche bottiglie in vetro, che una volta aperte non lo mantengono a lungo.

Convenienza

Anche per quanto riguarda i costi, il vino in Bag in box ha prezzi molto inferiori allo stesso prodotto venduto nel vetro. Il perché è naturalmente da ricercare nei costi dell’imbottigliamento.

Praticità e comodità

L’involucro del box esterno permette al vino di essere trasportato con grande facilità senza il rischio di rotture. E’ altrettanto semplice da utilizzare e si può conservare anche in frigorifero.

Rispetto per l’ambiente

Tutti i componenti della Bag in Box sono ecologici e sostenibili perché i materiali sono completamente riciclabili.

Ci sono degli svantaggi?

A fronte di tantissimi vantaggi il vino conservato in Bag in Box presenta anche degli svantaggi. Questa tipologia è adatta soltanto a vini fermi e soprattutto si presta per la conservazione di vini giovani.

Non ha certamente lo stesso effetto visivo di una bottiglia. Alcuni contenitori per le loro dimensioni non si possono conservare in frigo come avviene per le bottiglie. Ed infine non tutti le cantine produttrici hanno questo tipo di prodotto per cui alcuni vini non si possono ancora acquistare nella bag.

Formati di vino in Bag in Box

Moltissimi i formati del Bag in Box. I più diffusi sono quelli medio-piccoli, da 3, 5, 10 e 20 litri. Sono le misure più vendute nell’ambito famigliare, che risultano pratiche e comode.

In Italia la quantità di prodotto più venduta è quella nel contenitore da 5 litri mentre in altre parti del mondo si predilige la capienza da 3 litri. Le misure più grandi sono invece più adatte al settore della ristorazione. Ci sono formati che raggiungono anche le centinaia di litri.

Ovviamente la tipologia di formato da acquistare cambia a seconda delle esigenze. Se ti serve per un uso personale devi valutare il tuo consumo medio mentre se lo compri per una festa o un evento speciale devi valutare il numero di persone che partecipano.