Come ogni anno si rinnova l’appuntamento con uno degli eventi gastronomici più importanti della nostra nazione. Il Vinitaly è infatti un enorme catalizzatore di attenzioni non solo nazionali ma da tutte le parti del mondo.

Ogni regione con i suoi imprenditori si rapporta al piccolo e grande pubblico proponendo ogni anno i suoi vini d’eccellenza. Partiamo infatti da una posizione privilegiata rispetto ad altri paesi e con la Francia siamo sempre in competizione.

Purtroppo i francesi sono gli unici ad essere sempre un passo avanti a noi perchè si propongono sul mercato mondiale con nuove tecnologie e uno Stato forte che aiuta un settore in così forte espansione che non conosce crisi.

Da noi invece si è pensato maggiormente ad una passerella di politici più per visibilità che per reale supporto.

Continuando il giro tra i padiglioni ci siamo accorti di due cose fondamentali: la prima è assolutamente l’aria di collaborazione tra imprenditori di tutta Italia per difendere i marchi e i prodotti dall’assalto dei falsi realizzati all’estero.

L’altra cosa che rende Vinitaly piacevole è il rapporto che si instaura tra gli operatori degli stand e i visitatori.
Sempre una grande cortesia, una voglia di dialogare e scambiarsi opinioni e tra un calice di vino e l’altro avere qualche buona idea per rilanciare il settore in un momento difficile.

Non sono mancati momenti anche di particolare difficoltà nel muoversi per via di una folla incredibile domenica scorsa.
Erano presenti decine di giornalisti e televisioni da tutto il mondo per seguire politici e imprenditori.

Su www.chie.uno potete cercare la programmazione per sapere dove e quando verranno trasmesse le riprese.

Premesso che tutti i padiglioni sono unici nei loro prodotti ci teniamo però a segnalare quelli del Veneto, dell’Umbria, della Campania e della Puglia.
Vini di grandissimo valore e dal sapore unico che soddisfano ogni esigenza.

Come non citare anche gli ottimi assaggi di prosciutto crudo presso lo stand dell’Emilia Romagna e dei salumi presso quello dell’Umbria.

Siamo assolutamente certi che la manifestazione di Vinitaly sia una delle poche in Italia che riesce a mettere tutti d’accordo.
Non per niente un famoso proverbio latino dice “In vino veritas”, sperando che sia di buono auspicio per il nostro paese.