Gli struffoli napoletani sono il classico dolce di Natale (ma anche di carnevale) partenopeo. Di origini antichissime devono il loro nome alla parola greca “strongoulos” che significa arrotondato.

Struffoli napoletani

Nei secoli passati, gli struffoli venivano preparati dalle suore dei conventi per essere poi donati ai nobili che compivano atti di carità nei confronti dei più poveri. Sono amati dai grandi ma soprattutto dai più piccoli che adorano il sapore zuccherino del miele. La ricetta degli struffoli varia da famiglia a famiglia e da città a città, quella che vi proponiamo di seguito prevede l’uso della zucca candita (la famosa “cucuzzata”) tra gli ingredienti. Vediamo quindi come preparare dei deliziosi struffoli napoletani.

Ingredienti per 10 persone

600 g Farina 00

4 uova

1 tuorlo

2 cucchiai di zucchero

80 g burro

1 bicchierino di liquore Strega

1/2 limone (scorza grattugiata)

un pizzico di sale

olio di arachidi

Ingredienti per condire e decorare

400 g miele

confettini colorati

confettini cannellini

100 g arancia candita

100 g cedro candito

50 g zucca candita

Preparazione impasto

Setacciate 600 g di farina 00 e posizionateli a fontana su un tavolo, aggiungetevi poi 4 uova, un tuorlo, 80 g di burro, 2 cucchiai di zucchero, la buccia grattugiata di mezzo limone, un bicchierino di liquore ed un pizzico di sale. Impastate a mano energicamente e quando avrete amalgamato bene gli ingredienti fra loro formate una palla. Lasciatela riposare sotto uno strofinaccio, o avvolta nella pellicola trasparente, per una mezz’ora, poggiata su un ripiano infarinato.

Trascorsa la mezz’ora sporcatevi le mani di farina e dividete l’impasto in più pezzi, grossi come arance, da cui ricaverete dei piccoli cilindretti grandi come un dito e della lunghezza di circa un cm. Disponeteli poi in modo ordinato su un ripiano precedentemente infarinato.

Cottura

In una padella in cui avrete versato dell’olio di arachidi fate friggere gli struffoli. Lasciateli cuocere finché non saranno dorati. Con una schiumarola sgocciolateli e posateli su della carta assorbente per togliere l’eccesso di olio.

Condimento

Intanto, in un pentolino, fate sciogliere del miele (preferibilmente di acacia o millefiori) e, quando inizierà a bollire, immergetevi gli struffoli precedentemente cotti. Mischiate bene di modo che ogni struffolo si impregni in maniera omogenea di miele.

Ora prendete metà della frutta candita e metà dei confetti di zucchero e versate il tutto, delicatamente, nel pentolino assieme agli struffoli. Amalgamate bene e, quando anche i confetti e la frutta saranno ben impregnati di miele, posizionate su un grosso piatto un bicchiere di vetro e versatevi attorno i vostri struffoli, così da ottenere la forma di una ciambella.

Decorazione

Decorate con la restante frutta candita e con la rimanenza dei confetti di zucchero i vostri struffoli.

Dopo circa mezz’ora il miele si sarà solidificato e voi potrete togliere il bicchiere posizionato al centro del piatto e poi servire gli struffoli ormai freddi: andranno a ruba.

Ora che anche voi avete imparato come fare gli struffoli potrete proporli durante le feste Natalizie ma anche il giorno di carnevale.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *